PRIMO VENERDÌ: L’UMILTÀ DI SAN FRANCESCO DI PAOLA

francesco-pane
PRIMO VENERDÌ

L’UMILTÀ DI SAN FRANCESCO

 

INIZIO

 

PREGHIERA INTRODUTTIVA

 

Guida: Fratelli carissimi, iniziamo oggi la pia pratica dei tredici venerdì in onore di San Francesco di Paola. Faremo un percorso di fede in sua compagnia, seguendo la strada della penitenza evangelica che lui ci ha tracciato. Ogni venerdì sarà una tappa di questo cammino, con la proposta di una virtù particolare su cui esaminarci, seguendo gli esempi di vita di San Francesco. Cominciamo con la virtù dell’umiltà, inizio del cammino cristiano di conversione. Non possiamo tendere verso Dio se non siamo convinti che abbiamo bisogno di lui, se non ci riconosciamo peccatori e perciò bisognosi di conversione e di perdono. Il cammino penitenziale tracciato da San Francesco indica nell’umiltà la sua prima tappa, il primo gradino da salire.

 

LITURGIA  DELLA SANTA MESSA

 

PREGHIERA  DEI FEDELI

 

Cel. La nostra vocazione cristiana ci spinge a seguire il Signore Gesù sulla via dell’umiltà. Chiediamogli di percorrere con impegno questo cammino perché possiamo meritare nel cielo la gloria riservata agli umili.

 

►Lettore – Preghiamo insieme dicendo:

  1. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici miti e umili di cuore.

 

►Perché coloro che hanno autorità nella Chiesa e nella società  servano quanti sono stati loro  affidati, preghiamo:

A.  Signore, per intercessione di San Francesco, rendici miti e umili di cuore.

 

►Perché ognuno di noi sappia accogliere l’insegnamento del vangelo con semplicità e generosità, persuaso che ogni dono viene da Dio, anche se passa attraverso la nostra persona e la nostra opera,  preghiamo:

A.  Signore, per intercessione di San Francesco, rendici miti e umili di cuore.

 

►Perché l’amore della verità ci faccia scorgere e valorizzare  i doni dei nostri fratelli e  ci dia la costante consapevolezza di essere bisognosi del loro aiuto nel comune cammino di salvezza,  preghiamo:

A.  Signore, per intercessione di San Francesco, rendici miti e umili di cuore.

 

►Perché i doni che Dio ci ha dati non li teniamo   riservati gelosamente per noi, ma li mettiamo generosamente a servizio degli altri,  preghiamo:

A.  Signore, per intercessione di San Francesco, rendici miti e umili di cuore.

 

►Perché in tutte le famiglie si mantenga  l’unione e la concordia degli animi, partendo dalla disponibilità a servirsi scambievolmente,  preghiamo:

A.  Signore, per intercessione di San Francesco, rendici miti e umili di cuore.

 

►Perché tutti noi, che ci gloriamo della protezione di San Francesco, possiamo imitare l’umiltà nelle cose semplici e quotidiane della vita,  preghiamo:

A.  Signore, per intercessione di San Francesco, rendici miti e umili di cuore.

 

Cel.  Dio onnipotente, che riversi in abbondanza i  tuoi doni su coloro  che non pongono ostacoli all’opera della salvezza con il loro egoismo, sull’esempio del tuo servo San Francesco, rendici umili e docili strumenti del tuo amore, imitatori e testimoni di Cristo tuo Figlio. Lui che vive e regna nei secoli dei secoli.

  1. Amen.

 

DOPO L’ORAZIONE CONCLUSIVA DELLA SANTA MESSA

 

INVOCAZIONI

 

Cel. O San Francesco, che hai fatto delle virtù dell’umiltà l’inizio del cammino spirituale alla sequela del Cristo penitente, concedi la stessa saggezza cristiana, perché  anche noi possiamo camminare con il tuo stesso impegno nella vita della perfezione cristiana e ottenere gli stessi frutti di bene, che tu hai ottenuto praticando questa virtù. Docili alle parole di Gesù, che ha proclamato beati i miti e gli umili di cuore, possiamo anche noi sentire il bisogno di Dio, riconoscere i nostri limiti, lodare Dio per i doni ricevuti e metterli sempre a servizio dei fratelli. Nessuno mai colga in noi atteggiamenti sprezzanti e mai abbia a soffrire per la nostra superbia e insensibilità. Fa che non mettiamo mai al di sopra di Dio e della sua legge le ambizioni di potere, ma l’umiltà ci faccia sempre riconoscere nei fratelli il volto di Dio e ci renda miti, benigni e servizievoli verso tutti. Possa il Signore ricompensarci. Donandoci quelle grazie che ora per tua intercessione gli chiediamo.

 

► Lettore – Preghiamo insieme dicendo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

1)  Hai nutrito nel tuo animo una profonda umiltà, che ti faceva sentire il “minimo” tra tutti,   preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

2)  Consapevole della tua fragilità, ti sei aperto con amore a Dio e ti sei abbandonato fiducioso alla sua santa volontà,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

3) Accogliendo l’invito di Gesù a farsi piccoli, hai voluto chiamare la tua famiglia religiosa “Ordine dei Minimi”,   preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

4) Ti sei definito sempre “minimo povero eremita”,  sottoscrivendo cosi le tue lettere,   preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

5) Hai dimostrato sempre un umile sentire di te, soprattutto quando venivi chiamato “santo”,   preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

6) La profonda umiltà che coltivavi ti spinse   ad attribuire alla fede delle persone i miracoli ottenuti con la tua intercessione, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

7) Quando compivi i miracoli, spesso, nascondevi il potere che Dio ti dava con inutile ricette umane,    preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

8) Hai saputo sempre accettare in umile   silenzio le offese, che ti venivano rivolte,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

9) Hai mostrato sempre grande umiltà in mezzo agli onori, che ti venivano resi alla corte del Papa e dei re di Napoli e di Francia,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

10)  Ai religiosi, a te sottomessi, hai reso, per umiltà e amore di Dio, i servizi più umili nella vita di ogni giorno,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

11) Nell’esercizio della tua autorità hai saputo mostrarti padre nei confronti dei fratelli, a te affidati, sapendo accoglierli con umiltà e trattarli con carità,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

12) Hai avuto un tratto benigno e umile nei confronti di quanti chiamavi a conversione, non mostrandoti mai sprezzante verso di loro,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

13) Hai esortato quanti venivano per incontrarti, facendo riconoscere in questa virtù la strada della pace, della concordia e della carità,    preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

PADRE NOSTRO,

 

 AVE MARIA,

 

GLORIA AL PADRE.

 

 

CANTO:  “ BRUTIO  NATUS “

Quando l’errore sconvolgeva il mondo,

Paola alla luce diede il grande Santo,

che or di prodigi rifulgente tiene

la Francia in seno.

Pur egli elesse vivere qui abbietto:

bramò che in tutto minimo apparisse

perché elevato alle supreme sfere

fosse nel cielo!

Ne pago a tanto, minimi i suoi figli

vuol che sian pure nel terreno esilio,

ond’essi ancora possan primeggiare

nei beati cori.

Vive egli ancor nell’arca gloriosa,

donde gli infermi a sanità richiama,

donde, più spesso, al gramo che l’invoca,

conforto infonde.

Vede ivi il cieco, incedono gli storpi,

e il sordo orecchio armonia riceve,

vivon gli estinti, e al dolce suono il labbro

muto si sciogli.

Grazie rendiamo al Dio uno e trino:

tutti i redenti insieme a lui cantiamo,

che il giusto bea, e gli umili di spirito

al ciel sublima! Amen.

 

 

 

ORAZIONE CONCLUSIVA

 

Cel.  O  Dio, che usi misericordia verso quanti ricorrono a te con cuore umile, accogli le nostre preghiere. Mentre esaltiamo in terra l’umiltà di San Francesco di Paola, fa che per sua intercessione, dopo averlo imitato in terra, possiamo godere con lui la gloria del cielo. Per Cristo nostro Signore.       

A.     Amen.

 

 CANTO AL SANTO GLORIOSO

 

 

 

 

Comments are closed.