QUINTO VENERDÌ: L’AMORE DI SAN FRANCESCO VERSO GESÙ

s_francesco_crocifisso
QUINTO VENERDÌ

L’AMORE DI SAN FRANCESCO VERSO GESÙ

 

INIZIO 

 

PREGHIERA INTRODUTTIVA

 

Guida: Fratelli, questo venerdì ci invita a riflettere sul nostro rapporto con Gesù: se riconosciamo in lui il salvatore e maestro. Con gli esempi della sua vita e con i suoi insegnamenti San Francesco di Paola ci insegna ad essere fedeli seguaci del Signore, mettendo a frutto la grazia del battesimo, che ha piantato in noi il germe della vita di Dio e ci ha posti alla sequela di Gesù e del suo vangelo. San Francesco, con il suo carisma penitenziale, ha contemplato ed imitato Gesù, Figlio di Dio fatto uomo, soprattutto nel mistero della sua piena disponibilità al Padre, per cui ha accettato, dall’incarnazione alla croce, l’umiliazione e la penitenza del farsi uomo. Questo mistero lo ha spinto all’adorazione, soprattutto dell’Eucaristia, alla imitazione fedele, vivendo mortificato nel corpo e nello spirito, alla riparazione, accettando di espiare con Cristo i peccati del mondo. Voglia San Francesco aiutarci in questa nostra riflessione e preghiera.

 

LITURGIA  DELLA SANTA MESSA

 

PREGHIERA  DEI FEDELI

 

Cel.  Il Signore nostro Gesù Cristo, morto e risorto per la nostra salvezza, ora siede alla destra del Padre, come nostro mediatore e intercessore. Rivolgiamoci a lui con fiducia perché  ci conceda la grazia di seguirlo fedelmente, per vivere giorno la comunione piena con Dio nel Paradiso.

 

► Lettore – Preghiamo dicendo:

A. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici tuoi fedeli seguaci.

 

►Perché tutti i credenti, vivendo con impegno la se­quela di Cristo, possano esserne fra gli uomini  l’im­magine viva, preghiamo:

A. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici tuoi fedeli seguaci.

 

►Perché la Chiesa proclami con forza che Cristo è l’unico salvatore del mondo e annunzi senza stancarsi la sua morte e risurrezione fino alla sua venuta, preghiamo:

A. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici tuoi fedeli seguaci.

 

► Perché  la contemplazione della morte e risurrezione di Cristo ci insegni ad accettare con fede, senza ribellarci, le sofferenze e le croci di ogni giorno, preghiamo:

A. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici tuoi fedeli seguaci.

 

► Perché tutti i membri del popolo di Dio, che invocano San Francesco come loro guida e protettore, possano essere come lui imitatori ardentissimi del Redentore, preghiamo:

A. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici tuoi fedeli seguaci.

 

►Perché le umiliazioni, l’abbandono, le pene, le ingratitudini ci siano buoni maestri nella vita, preghiamo:

A. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici tuoi fedeli seguaci.

 

► Perché  l’Eucaristia sia il centro propulsore della forza che costruisce nel tempo il regno di Dio, preghiamo:

A. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici tuoi fedeli seguaci.

 

►Perché mediante il pane celeste siamo resi perfetti nell’amore e nella piena comunione con i nostri fratelli,   preghiamo:

A. Signore, per intercessione di San Francesco, rendici tuoi fedeli seguaci.

 

Cel.   O  Dio, che nel tuo diletto Figlio, via, verità e vita, ci hai indicato la strada che conduce a te, concedici di imitare fedelmente Gesù sull’esempio di San Francesco di Paola, per essere così tra i fratelli la sua immagine vivente. Per lo stesso Cristo nostro Signore.

A. Amen

 

DOPO L’ORAZIONE CONCLUSIVA DELLA SANTA MESSA

 

INVOCAZIONI

 

Cel.   Noi guardiamo e ricorriamo a te, o San Francesco di Paola, affinché, sul tuo esempio e con la tua intercessione, possiamo penetrare anche noi il mistero di Cristo, offrire ai fratelli la sua immagine e continuare fra di loro la sua presenza. Tu che in vita fosti definito “fedele imitatore di Cristo” ed hai dato numerosi segni del tuo legame profondo con Gesù, ottienici da Dio la grazia di una perfetta sequela. Ciascuno di noi possa riempirsi di quella forza che promana dai vari aspetti del mistero di Cristo, che ogni anno la liturgia ci fa vivere. Saremo così i testimoni viventi di Gesù morto e risorto, che ora presso il Padre e il Sommo Sacerdote che intercede per noi, e che nel mistero eucaristico è sempre vivo e presente fra noi ed è nostro cibo, nostra forza e nostro conforto nel pellegrinaggio della vita terrena. Tu, che ora vivi glorioso accanto a lui nel cielo, intercedi per noi e ottienici le grazie per le quali oggi ti preghiamo.

 

► Lettore – Preghiamo dicendo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

1)  Hai messo ogni impegno per uniformarti a Cristo, cercando di vivere il suo mistero di morte e risurrezione, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

2) Amando in modo particolare la virtù ‘umiltà, hai voluto vivere il mistero di annientamento del Verbo incarnato, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

3)  Hai voluto formare i tuoi figli spirituali alla scuola dell’umiltà e del sacrificio, esortandoli a guardare e ad imitare in tutte le loro difficoltà il Cristo umile, paziente e sofferente,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

4) Scegliendo come norma di vita il vangelo della penitenza, hai voluto seguire più da vicino il Crocifisso, per spandere attorno a te semi di vita, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

5) Hai accettato la malattia e ogni umana sofferenza serenità e pazienza, sapendo di conformarti ancor di più al Signore Gesù, che ha accettato il sacrificio della croce, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

6)  L’amore intenso verso il Crocifisso ti ha meritato di morire il venerdì santo, stringendo tra le mani la croce del Signore,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

7) Per gli atti ufficiali della tua famiglia religiosa hai lasciato come sigillo l’immagine della Croce circondata di spine, perché meglio apparisse il significato della sua spiritualità quaresimale,  preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

8) Per essere fedele al vangelo della penitenza hai trovato la forza nell’Eucaristia, dinanzi alla quale sostavi per lungo tempo in adorazione, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

9) Hai sempre partecipato alla celebrazione del mistero dell’altare con grande trasporto, assistendo anche più volte al giorno alla Santa Messa e ricevendo devotamente la Santa Comunione, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

10) Hai esortato tutti a fare della Santa Messa il centro della vita spirituale, facendo sì che il ricordo della passione e morte del Signore, che in essa si rinnova, fosse di forza e di conforto per tutte le sofferenze terrene, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

11) Ti sei preoccupato che fosse da tutti onorato il nome del Signore e osservata la sua santa legge e perciò non hai lasciato occasione per predicare il vangelo, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

12) Come il Signore Gesù ti sei mostrato accogliente verso tutti, riportando tanti sulla strada del bene con la parola e l’esempio della tua vita, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

13) Dio ha premiato il tuo sforzo di conformarti al suo Figlio concedendoti di operare tanti miracoli, simili a quelli compiuti da Gesù, preghiamo:

A.  San Francesco di Paola, intercedi per noi.

 

 

 

 

 

PADRE NOSTRO,

 

 AVE MARIA,

 

GLORIA AL PADRE.

 

CANTO  “ BRUTIO NATUS “

Quando l’errore sconvolgeva il mondo,

Paola alla luce diede il grande Santo,

che or di prodigi rifulgente tiene

la Francia in seno.

Pur egli elesse vivere qui abbietto:

bramò che in tutto minimo apparisse

perché elevato alle supreme sfere

fosse nel cielo!

Ne pago a tanto, minimi i suoi figli

vuol che sian pure nel terreno esilio,

ond’essi ancora possan primeggiare

nei beati cori.

Vive egli ancor nell’arca gloriosa,

donde gli infermi a sanità richiama,

donde, più spesso, al gramo che l’invoca,

conforto infonde.

Vede ivi il cieco, incedono gli storpi,

e il sordo orecchio armonia riceve,

vivon gli estinti, e al dolce suono il labbro

muto si sciogli.

Grazie rendiamo al Dio uno e trino:

tutti i redenti insieme a lui cantiamo,

che il giusto bea, e gli umili di spirito

al ciel sublima! Amen.

 ORAZIONE CONCLUSIVA

 

Cel.    O  Dio, che nel tuo diletto Figlio, via, verità e vita, ci hai indicato la strada che conduce a te, concedici che, sull’esempio di San Francesco possiamo imitare anche noi fedelmente Gesù Cristo ed essere cosi tra i fratelli la sua immagine vivente. Per lo stesso Cristo nostro Signore.

A. Amen

 

 

 

CANTO AL SANTO GLORIOSO

 

 

Rit. Al Santo glorioso

cantiamo d’amor

l’inno armonioso

che sorge dal cor.

A l’umile Santo cantiamo fidenti,

dei calabri vanto Signor dei portenti.

Dal mondo diviso, sol vago di ciel,

con dolce sorriso soccorse al fratel.

Rit. Al Santo glorioso

cantiamo d’amor

l’inno armonioso

che sorge dal cor.

Di carne la spoglia pur esso sofferse,

pur egli di doglia le lacrime asterse.

Fidate, se immenso possiede il poter,

ha tutto propenso per l’uomo il voler.

Rit. Al Santo glorioso

cantiamo d’amor

l’inno armonioso

che sorge dal cor.

Venite, venite, voi tutti che in terra

gemendo soffrite dei mali la guerra.

Qualunque desio fia dato appagar:

Francesco da Dio può tutto impetrar.

Rit. Al Santo glorioso

cantiamo d’amor

l’inno armonioso

che sorge dal cor.

L’invoca sperando la mesta fanciulla,

la madre pregando dappresso alla culla,

il giovane ardito, il vecchio che muore,

sul campo il ferito sul trono il signor.

Rit. Al Santo glorioso

cantiamo d’amor

l’inno armonioso

che sorge dal cor.

Immuni per esso da colpe, d’affanni

ci fora concesso che scorrano gli anni;

in morte, I’avremo amico fedel:

tranquilli morremo sicuri del ciel!

Rit. Al Santo glorioso

cantiamo d’amor

l’inno armonioso

che sorge dal cor.

 

 

Comments are closed.